ARCHITETTURE CIVILI DI ORBETELLO

ARCHITETTURE CIVILI DI ORBETELLO
Palazzo del Podestà, situato nella centralissima Piazza Eroe dei Due Mondi è sormontato dalla Torre dell’Orologio;

Antica Caserma Umberto I, già Istituto Religioso, che ha ospitato per un periodo il prezioso Frontone di Talamone. Questo edificio è il centro della cultura e, spesso, sede di mostre;

Mulino Spagnolo, uno dei simboli più affascinanti di Orbetello, è l’unico mulino a vento che si è conservato di un gruppo di nove  o, secondo altre fonti, sette mulini costruiti dai Senesi, utilizzati per macinare la farina destinata agli abitanti della città e successivamente restaurati dagli Spagnoli quando la città lagunare divenne la capitale del piccolo Stato dei Presìdi (1557).

Il Mulino presenta una pianta circolare costituita da una torre e una calotta, in origine girevole,  che sostiene il sistema delle pale. Un’opera recente di restauro ha introdotto un meccanismo che controlla il movimento delle pale e ha sostituito queste con elementi più piccoli rispetto agli originari. L’edificio che emerge suggestivamente sulle acque della Laguna, si trova all’inizio della diga artificiale fatta costruire dal Granduca Leopoldo II nel 1842 per collegare Orbetello con l’Argentario